Quando un testamento olografo può dirsi valido?

Il testamento olografo è la forma più semplice e diffusa per manifestare le proprie volontà successorie, senza la necessità di un particolare rigore formale, del ricorso ad un notaio o della presenza di testimoni.

La legge, all’art. 602 c.c., prescrive però che nella predisposizione del testamento olografo vengano rispettati tre requisiti, essenziali per garantire la validità del testamento olografo: l'autografia, la data e la sottoscrizione.

Con autografia, si intende la predisposizione dell'atto in tutte le sue parti ad opera del testatore, senza l'ausilio di mezzi meccanici (ad esempio al computer) o di terzi. Il testamento olografo deve essere scritto per intero di pugno dal testatore ivi comprese la data e la sottoscrizione.

La data, secondo il disposto normativo, "deve contenere l'indicazione del giorno, mese e anno”, ma può essere sostituita anche da equipollenti come una festività (Pasqua 2003, Natale 2005 e similari). La data è essenziale perché consente di accertare la capacità del testatore nel momento in cui fu redatto il testamento e, nel caso che questi formi più testamenti successivi nel tempo, è la data a indicare quale è il testamento valido, che revoca le disposizioni testamentarie precedenti. La data del testamento olografo può essere apposta in ogni parte dell’atto, poiché la legge non prescrive che essa debba precedere o seguire le disposizioni di ultima volontà. Non sono invece necessari l'indicazione del luogo, e/o dell'ora.

La sottoscrizione è il terzo requisito di forma richiesto per il testamento olografo. Essa è necessaria per l’individuazione del testatore e deve essere apposta da quest’ultimo di proprio pugno, in calce al testamento.

La sottoscrizione non deve essere necessariamente composta da nome e cognome: è sufficiente che con essa si individui con certezza la persona del testatore, potendo quindi essere sostituita anche da un soprannome, da uno pseudonimo, o finanche da una sigla, se questa è riconducibile con certezza al suo autore.

Quanto al contenuto delle ultime volontà, occorre tenere presente che la legislazione italiana è piuttosto articolata nel prevedere limiti anche inderogabili, sicchè nel dubbio conviene consultare un professionista.

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Consulta l'informativa sull'uso dei cookie

Chiudi